Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Bologna e la Stazione Radioastronomica di Medicina

Studenti in viaggio > Visite scientifiche

1° giorno
Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Bologna. Arrivo ed inizio della visita della città: Piazza Maggiore, S. Petronio, una delle migliori espressioni dell'architettura gotica italiana, la Fontana del Nettuno, fra le più belle del Cinquecento, le torri pendenti (degli Asinelli e la Garisenda), Palazzo Comunale. Pranzo libero. Nel pomeriggio, proseguimento del giro in città: S. Maria dei Servi, S. Domenico, S. Francesco. Al termine, sistemazione in hotel nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

2° giorno

Dopo la prima colazione, trasferimento a Medicina per la visita della Stazione Radioastronomica. Grazie  alla parabola  SmaRT (Small Radio Telescope) gli studenti, con l'ausilio del personale del Centro Visite, potranno effettuare delle vere osservazioni radioastronomiche. Inoltre, svolgeranno due laboratori didattici di approfondimento sui temi dell'interferometria e delle tecniche Gps per la misurazione spaziale e temporale. Al termine, inizio del viaggio di ritorno con arrivo a scuola in serata.  

La Stazione Radioastronomica di Medicina: che cos'è, che cosa si fa.
 
E' un osservatorio, gestito dall'Istituto di Radioastronomia dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, dotato di due strumenti: la grande Croce del Nord e una grande antenna parabolica. La Croce del Nord è costituita da due rami perpendicolari lunghi 564 e 640 metri per un'area di 30.000 mq di superficie che le consentono di percepire  sorgenti radio molto deboli come quelle delle stelle pulsar. L'antenna, di 32 metri di diametro, è utilizzata principalmente per effettuare mappature ad alta sensibilità di vaste aree di cielo per produrre ampi cataloghi di sorgenti e per osservazioni interferometriche effettuate in contemporanea con le altre antenne del consorzio EVN (European Very Long Baseline Interferometry Network), collocate in diversi paesi Europei. Lo scopo è quello di produrre immagini ad altissima risoluzione, estremamente utili per analisi molto dettagliate delle sorgenti radio, e per lo studio di comete, l'indagine di sistemi planetari extrasolari e l'osservazione radar di asteroidi potenzialmente pericolosi per la Terra (quest'ultima attività è attuata in collaborazione con la NASA).


QUOTA INDIVIDUALE: DA 50 A 100 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu