Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Castelli della Loira

Studenti in viaggio > Viaggi regionali

Tours, Chambord, Blois, Amboise e Chenonceaux

1° giorno
Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Tours. Sosta per il pranzo (libero) a Macon, patria del famoso vino Beaujolais. Nel pomeriggio, proseguimento del viaggio. Arrivo in tarda serata a Tours e sistemazione in hotel nelle camere riservate. Cena. Pernottamento.

2° giorno
Prima colazione in hotel. Trasferimento in pullman per la visita del castello di Chambord, il più grande tra tutti i castelli della Loira. La sua costruzione fu voluta nel 1518 da Francesco I. Nei secoli successivi si verificò la trasformazione da fortezza a residenza reale di campagna. Leonardo da Vinci, ospite del re, realizzò un modello del maniero. E’ circondato da un immenso parco dove si trovano cinghiali, daini e cerbiatti. All’interno è visibile, fra l’altro, il celeberrimo scalone a doppia rampa a spirale. Pranzo libero. Nel pomeriggio, trasferimento a Blois e breve visita della cittadina e del castello che fu una delle residenze preferite dei re di Francia. Il castello di Blois si erge su un costone a dirupo che domina la città di Blois. E' dal cortile interno che si apprezza meglio la struttura del complesso. Vi trova sede un Museo Archeologico, con reperti di epoca carolingia e medievale rinvenuti nel territorio. Rientro a Tours per la cena e il pernottamento.

3° giorno
Dopo la prima colazione, trasferimento ad Amboise, elegante cittadina nella quale visse per tre anni e morì Leonardo da Vinci. Il castello d'Amboise, precedentemente una fortezza medievale, fu la sede della Corte reale e luogo di residenza privata dei Re Carlo VIII e Francesco I.. L'appartamento reale ospita la camera del Re chiamata “camera Enrico II”. Un gran numero di uomini di lettere e di artisti europei soggiornarono ad Amboise su invito dei sovrani, tra cui Leonardo da Vinci la cui tomba si trova nella Cappella del Castello. Questo sito eccezionale della Storia di Francia possiede una ricchissima collezione di mobili gotici e rinascimentali che testimoniano della raffinatezza artistica del primo Rinascimento francese. Visita del castello e del grazioso castelletto di Clos-Lucé. Pranzo libero. Nel pomeriggio, proseguimento per Chenonceaux per ammirare il caratteristico castello che sorge sul fiume Cher. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

4° giorno
Dopo la prima colazione, visita al castello di Azay-le-Rideau, esempio sublime dell’architettura rinascimentale francese. E’ stato costruito tra il 1510 e il 1528 ed è uno dei più celebri della Valle della Loira. E’ stato definito da Balzac come “un diamante sfaccettato incastonato sull’Indre”. Pranzo libero. Pomeriggio a disposizione per la visita di Tours a piedi alla scoperta del quartiere detto "del Vecchio Tours", con vie strette e numerose case medioevali risalenti al XV e al XVI sec. Come quelle di piazza Plumereau. Da vedere anche la Torre Carlomagno, vestigia della Collegiata San Martino; la nuova Basilica San Martino, bellissimo edificio del XIX sec. che racchiude nella sua cripta la tomba del santo, il Palazzo Pierre Dupuy (XV sec.), il giardino Saint-Pierre-le-Puellier con le vestigia gallo-romane. Cena e pernottamento.

5° giorno
Dopo la prima colazione, inizio del viaggio di ritorno. Sosta lungo il percorso per il pranzo libero. Arrivo alla scuola previsto in tarda serata.

L’ULTIMA DIMORA DI LEONARDO

Il castello di Clos-Lucé è noto soprattutto per essere stato l'ultima dimora di Leonardo da Vinci, che vi soggiornò dal 1516 al 1519, su invito di Francesco I. Il maniero è collegato alla residenza del Castello di Amboise da un passaggio sotterraneo che consentiva al re di rendere visita a Leonardo in qualunque momento con la massima discrezione. Nei sotterranei è possibile osservare molti modelli tratti dagli schizzi di Leonardo tra cui un carro armato, un ponte di assedio e un precursore di un elicottero. Anche nel parco sono disposte alcune opere a grandezza naturale realizzate a partire dai disegni leonardeschi.


QUOTA INDIVIDUALE: DA 250 A 300 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu