Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Coltura e cultura del vino in Piemonte

Studenti in viaggio > Agricoltura, industria, artigianato

con visita dell’Ecomuseo della Vitivinicoltura di Candelo

Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Candelo (Biella). Visita guidata dell’Ecomuseo della vitivinicoltura che ha sede nell’antico Ricetto medioevale. Qui è stata ricreata una cantina di vinificazione – con l’attrezzatura disposta in modo da illustrare le fasi della trasformazione dell’uva sino alla lavorazione e conservazione del vino - ed è stata allestita una mostra permanente sul processo di vinificazione. La visita prosegue dentro le mura del borgo (rue, torri, via di lizza, torre vedetta) e fuori le mura sino all’ecovigneto, nel quale sono stati recuperati antichi vitigni e tradizionali tecniche di coltura. Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita ad un’azienda vitivinicola dotata di attrezzature all'avanguardia e con un'elevata componente tecnologica: serbatoi di acciaio inossidabile a temperatura controllata per la fermentazione, pressa a polmone per la pressatura delle vinacce, invecchiamento in vasche di acciaio inossidabile o in piccole botti di rovere. Al termine, rientro a scuola.

IL RICETTO DI CANDELO

Il ricetto di Candelo è una struttura fortificata medioevale dove si accumulavano i beni (derrate alimentari e vini) della popolazione per conservarli e difenderli, e dove, in caso di pericolo, si rifugiava la popolazione stessa. Il complesso, quasi interamente cinto da mura con torri cilindriche agli angoli, è composto da circa duecento edifici denominati cellule ed è attraversato da strade chiamate con un francesismo rue.
Una curiosità: nel ricetto di Candelo sono state effettuate le riprese di numerosi sceneggiati televisivi, a cominciare  da La freccia nera, uno sceneggiato della fine degli anni Sessanta interpretato da Arnoldo Foà e Loretta Goggi.


QUOTA INDIVIDUALE: FINOA 50 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu