Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Energia dalle viscere delle Terra

Studenti in viaggio > Visite scientifiche

Parco delle Biancane e Larderello

1° giorno
Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Monterotondo Marittimo (GR). Sosta lungo il percorso per il pranzo (libero). Nel pomeriggio, arrivo a Monterotondo Marittimo e visita guidata al Parco delle Biancane. Il parco naturalistico "Le Biancane" è il simbolo del rapporto tra Monterotondo Marittimo e l'energia che viene dalla profondità della terra. Questo calore risiede, sotto forma di fluido, sotto la crosta terrestre ed in questa zona si trova a profondità tali che permettono il loro sfruttamento. Quella delle "Biancane" è una zona straordinaria per le sue emissioni di vapori e per il modo in cui l'energia ha modificato l'habitat naturale e i colori tipici della natura delle Colline Metallifere. Proprio a causa di queste caratteristiche geologiche e climatiche si è sviluppata in quest'area una flora atipica che la rende unica. I vapori bianchi che fuoriescono dal terreno, il fango in ebollizione e le macchie biancastre che segnano il suolo danno luogo ad un paesaggio suggestivo ed inconsueto. Il Comune di Monterotondo Marittimo ed Enel Green Power hanno valorizzato questo patrimonio naturalistico creando un percorso tra le manifestazioni geotermiche più affascinanti della zona e le testimonianze storiche dello sfruttamento del fluido endogeno da parte dell’uomo. Al termine, proseguimento per Follonica (o in altra località in zona) e sistemazione in hotel nelle camere riservate. Cena. Pernottamento.


2° giorno
Dopo la prima colazione, rilascio delle camere e trasferimento a Larderello per effettuare la visita al Museo della Geotermia: nel Museo, fondato alla fine degli Anni Cinquanta, è illustrata la storia dell'energia geotermica in tutti i suoi aspetti, dalla ricerca alla perforazione ai diversi sistemi di utilizzazione del fluido geotermico per la produzione di energia elettrica, termica e meccanica. Centro della fabbrica è Piazza Leopolda, attorniata da uffici, abitazioni e chiesa. Nella Sala Plastici una serie di tabelloni illustra con foto e schemi la genesi della geotermia, i metodi di ricerca, la perforazione e i vari sistemi di sfruttamento di questa particolare energia. Il Lagone coperto, costruito nel 1875, serviva come separatore: dal basso veniva raccolta l'acqua, nella parte superiore un tubo aspirava il vapore che alimentava i sistemi di riscaldamento di caldaie ed edifici dove avveniva l'essiccazione dei sali di boro. Vi sono inoltre la Centrale Valle Secolo, entrata in esercizio nel 1991, e il Pozzo dimostrativo del 1956, profondo 740 metri.  Tutta l'area boracifera era interessata da imponenti manifestazioni naturali come fumarole, lagoni e geysers, sulle quali sorsero le varie fabbriche per l'estrazione dell'acido borico. Con la perforazione di pozzi sempre più profondi le manifestazioni si sono progressivamente ridotte come numero e come importanza. Pranzo libero. Nel pomeriggio, inizio del viaggio di ritorno con arrivo a scuola previsto in serata.


Monterotondo Marittimo

Monterotondo Marittimo è un tipico borgo medievale il cui nome (Mons Ritundus) deriva dalla forma conica del colle sul quale è sorto. Il territorio di questo comune segna il punto di intersezione di tre province diverse: Pisa, Livorno e Grosseto. Il paese conserva i ruderi dell’antico castello, la Rocca degli Alberti, risalente al XII secolo. Visitando le sue rovine e addentrandosi nei pittoreschi vicoli del centro storico, si respira ancora quella lontana atmosfera medievale. Anche il circondario offre numerose attrattive: la deliziosa chiesetta romanica di S. Croce e il coevo Castello minerario di Cugnano, sito archeologico di grande importanza; le rovine dei Bagni del Re Porsenna, importante centro termale durante l’VIII secolo, e il Santuario della Madonna del Frassine.



QUOTA INDIVIDUALE: DA 50 A 100 EURO




 
Torna ai contenuti | Torna al menu