Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

I tessuti di Prato e Firenze

Studenti in viaggio > Made in Italy

1° giorno

Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e trasferimento in pullman granturismo a Prato per la visita del Museo del Tessuto, che ha sede nell'ex cimatoria Campolmi, uno dei più importanti esempi di archeologia industriale in Toscana e una delle fabbriche più antiche di Prato, sviluppatasi nel XIX secolo intorno a un mulino già esistente nel Quattrocento. Il museo conserva un considerevole patrimonio di tessuti e di testimonianze sull’industria tessile, esposto in sei aree tematiche, all’interno delle quali è prevista una rotazione periodica degli oggetti che rinnova continuamente i suoi contenuti. La Sezione storica ospita le antiche collezioni del museo, tra cui produzioni seriche italiane ed europee dei secoli XV-XIX, ricami, tessuti d’autore del XX secolo e materiali etnici provenienti da diverse aree geografiche anche extraeuropee. Una sezione a sé è dedicata alla “caldaia”, l’antica caldaia a vapore, che originariamente forniva il vapore e l’energia necessaria alle lavorazioni tessili della cimatoria Campolmi. Un’altra sala è riservata alle produzioni tessili contemporanee, locali ed internazionali. Pranzo libero. Nel pomeriggio, proseguimento del viaggio per Firenze. Arrivo ed inizio della visita della città: Santa Maria Novella, una delle chiese più belle di Firenze, Ponte Vecchio e, sull'altra sponda dell'Arno, Palazzo Pitti dalla lunga facciata che occupa un intero lato della piazza e Santa Croce, il pantheon della città, considerata un capolavoro dell'arte gotica, dalla tipica facciata ricoperta di marmo di Carrara alternato a marmi verdi. Sistemazione in hotel nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

2° giorno
Prima colazione in hotel. Proseguimento della visita della città con piazza della Signoria, il luogo più rappresentativo, simbolo dei fasti e del potere della famiglia de' Medici e scenario degli scontri fra guelfi bianchi e neri nel Duecento, del rogo di Savonarola nel Quattrocento. Visita al magnifico Palazzo Vecchio, edificato nel 1299 e così chiamato dopo che i Medici si trasferirono a Palazzo Pitti.  A destra di Palazzo Vecchio si apre un lungo passaggio che conduce all'Arno e alla Galleria degli Uffizi, fondata da Francesco I de' Medici che affidò il progetto al Vasari. Al suo interno sono custoditi capolavori pittorici di Giotto, Cimabue, Masaccio, Beato Angelico, e degli altri massimi come Michelangelo, Raffaello, Leonardo e Botticelli. La visita richiede un po' di tempo ma è assolutamente imperdibile. Pranzo libero. Nel pomeriggio, proseguimento della visita: piazza Duomo, o San Giovanni, che per valore storico ed artistico non è seconda a piazza della Signoria. Al centro della piazza l'edificio a pianta ottagonale è il Battistero, che risale al XI secolo, dedicato a San Giovanni, patrono della città. Di particolare bellezza sono le porte fra cui la più preziosa è quella di fronte al Duomo sulla quale Ghiberti raffigurò scene del Vecchio Testamento. L'altro capolavoro della piazza è il Duomo, frutto di seicento anni di lavori che iniziarono alla fine del XIII secolo con Arnolfo di Cambio per proseguire con Giotto ed altri, fino alla realizzazione della facciata che risale al 1887. Capolavoro d'ingegneria è la Cupola costruita dal Brunelleschi, nel XV secolo. La visita della piazza prosegue con il Campanile di Giotto, il cui progetto è del 1334 e l'artista vi lavorerà durante gli ultimi tre anni della sua vita. Nel pomeriggio, inizio del viaggio di ritorno con arrivo a scuola in serata.

Le iniziative didattiche del Museo del Tessuto

Secondo la moderna concezione museale il Museo del Tessuto di Prato propone numerose iniziative didattiche rivolte alle scuole di ogni ordine e grado sotto forma di visite guidate, laboratori e percorsi formativi mirati che consentono di affrontare i molteplici aspetti della produzione e dell'attività tessile antica e contemporanea. Sono previsti anche percorsi educativi di approfondimento con lezioni, laboratori creativi e attività pratiche.


QUOTA INDIVIDUALE: DA 50 A 100 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu