Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

La penisola istriana

Studenti in viaggio > Viaggi regionali

Parenzo, Rovigno, Pola, Fasana, Brioni e Grotte di Postumia

1° giorno
Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Aquileia. Arrivo e visita della città. Aquileia è una bella e ricca testimonianza del fascino e della grandezza dei centri dell'Impero romano e del potere della Chiesa ai tempi del Patriarcato. In età imperiale era una delle città più fiorenti della romanità, tanto da essere denominata Seconda Roma. Aquileia (fondata come colonia nel 181 a.C.) era l'emporio dell'Impero, il luogo d'incontro per eccellenza di traffici e di scambi tra il mondo romano e i paesi danubiani. Di questi suoi splendidi tre secoli imperiali, e del precedente periodo repubblicano, Aquileia conserva ancor oggi importanti tracce che ne fanno uno dei luoghi archeologici più interessanti della regione: il porto fluviale, il foro, il circo, l'anfiteatro, il sepolcreto sulla via Annia, le fortificazioni, resti di abitazioni private, botteghe, edifici pubblici. Pranzo libero. Al termine della visita, trasferimento in pullman a Parenzo e tempo a disposizione per una breve visita della città. Parenzo (Porec) dista 65 chilometri da Trieste ed è una nota località turistica molto frequentata. Castrum romano costruito nel II secolo a.C., durante il regno di Ottaviano venne trasformata in città e nel I secolo proclamata Colonia Iulia Patentium. Dopo la caduta dell'Impero Romano si susseguirono diversi dominatori (Bizantini, Franchi, Veneziani, Francesi e Austriaci) e ogni popolazione ha lasciato le proprie tracce. L'impronta urbanistica della città è romana, incentrata su due assi perpendicolari - il Decumano e il Cardo Massimo - attorno ai quali si raccolgono le abitazioni e i negozi. Sistemazione in hotel nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

2° giorno
Dopo la prima colazione, trasferimento a Rovigno e visita della città: distante 95 chilometri da Trieste, Rovigno è, insieme a Parenzo e Umago, il cuore turistico dell'Istria. Situata su una collina la città è dominata dal campanile della Chiesa di S.Eufemia. Il centro storico, raccolto entro le mura erette da Venezia a protezione contro i pirati (XII secolo), è caratterizzato da ripide vie lastricate. Nelle vicinanze si trovano il Parco Forestale di Punta Corrente e il promontorio di Zlatni Rat, dove si può passeggiare a piedi lungo sentieri ben tenuti. Pranzo libero. Nel pomeriggio, trasferimento a Pola. Situata nell'estremo sud della penisola istriana, Pola offre bellissimi paesaggi naturali e numerose possibilità di svago. Da visitare, partendo dalla piazza principale (piazza Foro), il tempio di Augusto che ospita una mostra di sculture in pietra, il palazzo municipale ultimato nel 1296, la chiesa e il convento dei francescani costruiti nel tredicesimo secolo. Salendo da Via Castrapola lungo una scalinata si arriva alla Fortezza Veneta (XVII secolo) che ospita il museo storico d'Istria. Passeggiando lungo le strade lastricate da pietre rese lucide dall'uso, si passa dalla Cattedrale alla Chiesa di San Nicola costruita con pietre calcaree, fino ad arrivare ai piedi del simbolo della città: l'Anfiteatro, costruito durante il regno di Augusto, ampliato nel periodo di Claudio e terminato sotto i Flavi. Al termine, rientro a Parenzo. Cena e pernottamento.

3° giorno
Prima colazione in hotel. Trasferimento in pullman a Fasana ed imbarco sul battello per Brioni. Giornata dedicata alla visita del Parco Nazionale. Con le loro quattordici isole e isolette, tra cui le più grandi sono Veliki (grande) e Mali (piccolo) Brijun, occupano una superficie di 2700 ettari. Le isole sono ricoperte da una vegetazione mediterranea e submediterranea che offre ai turisti un ambiente naturale intatto. Sulle isole si trovano anche il giardino zoologico, la riserva di fagiani ed il parco safari con diversi animali di tutto il mondo. Le tracce dell’uomo sulle isole risalgono al neolite. Tra numerosi reperti archeologici il più significante è l’abitato preistorico sulla collina Gradina. Nella baia di Verige troviamo reperti di una lussuosa villa romana e di un tempio. Sulla costa occidentale si trovano il tardoantico castrum bizantino e la basilica bizantina di Santa Maria del VI secolo. Al termine, rientro in battello a Fasana e trasferimento in pullman a Parenzo. Cena e pernottamento.

4° giorno
Dopo la prima colazione, trasferimento a Postumia. La Piuca, nel suo percorso sotterraneo che inizia a Postumia, ha scavato dei canali che formano un labirinto di grotte, le famose Grotte di Postumia, uno spettacolare risultato dei fenomeni carsici della zona. Circa otto chilometri di gallerie attrezzate per la visita, dove si potranno ammirare meravigliose formazioni di stalattiti, stalagmiti e corsi d’acqua sotterranei. Durante la visita (della durata di 1 ora e 30 minuti circa), si percorrerà una prima parte delle gallerie a bordo di un trenino elettrico. Al termine, inizio del viaggio di ritorno. Pranzo libero. Nel pomeriggio, sosta a Miramare per una breve visita all’omonimo Castello, che si erge all’estremità di un promontorio ed è circondato da un magnifico parco ricco di essenze rare. Il Castello è attualmente adibito a Museo Storico. I nobili ambienti con il loro patrimonio di mobili, dipinti, porcellane, avori, ecc., costituiscono uno dei più significativi esempi di residenza principesca della seconda metà dell’800. Al termine, proseguimento del viaggio di ritorno con arrivo alla scuola previsto in serata.

LE GROTTE DI POSTUMIA

Le grotte di Postumia sono un intreccio di sedici chilometri di caverne, saloni e gallerie scavate dal fiume sotterraneo Pivka, che costituiscono il complesso più grande del Carso e le grotte più visitate d’Europa. Furono aperte al pubblico nel 1818, dopo che un abitante del luogo le ebbe scoperte. Nel 1872 fu costruita la ferrovia di cui le grotte — uniche al mondo - dispongono per lo svolgimento delle visite per un tratto di otto chilometri.


QUOTA INDIVIDUALE: DA 200 A 250 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu