Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Monaco e la BMW

Studenti in viaggio > Agricoltura, industria, artigianato

BMW MUSEUM E BMW WELT
con visite di Dachau, del Deutsches Museum e dei Castelli Bavaresi

1° giorno
Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza per Dachau in pullman granturismo. Sosta lungo il percorso per il pranzo (libero). Visita al Memorial: campo di concentramento classificato come campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro, divenne uno dei più terribili Lager nazisti. I prigionieri dovettero fare fronte a condizioni di detenzione inumane e lavorare come schiavi. Le violenze, le brutalità, le punizioni disumane, la fame e le uccisioni costituivano elementi essenziali della vita quotidiana. Le uccisioni avvenivano in molte forme: attraverso le violenze dirette delle SS, le impiccagioni, le fucilazioni, le iniezioni al cuore, gli avvelenamenti e infine con il gas. Alcuni deportati furono semplicemente bagnati e lasciati gelare fino alla morte nel rigido inverno. Visita agli agghiaccianti forni crematori, alle camere a gas ed al museo che illustra le infinite barbarie commesse. Al termine, proseguimento per Monaco. Sistemazione nelle camere riservate. Cena. Pernottamento.

2° giorno
Dopo la prima colazione, inizio della visita libera della città:  Marienplatz, costituisce il centro della città sin dai tempi della fondazione di Monaco da parte di Enrico il Leone nel 1158. Fin dagli inizi del XIX secolo in Marienplatz, allora chiamata Schrannenplatz, aveva luogo un mercato delle granaglie, dove i contadini vendevano i loro prodotti. Si  prosegue con la visita della chiesa di St. Peter’s Kirche, la più antica chiesa parrocchiale della città. Eretta nel secolo XI come basilica a pilastri romanica, la chiesa venne ricostruita nuovamente nel 1294 in stile gotico. Quasi completamente distrutta durante la guerra, St.Peter fu fedelmente ricostruita nel 1954. Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita (libera) al Deutsches Museum: l’immenso museo della scienza e della tecnica. In ogni sala si possono azionare, mediante pulsanti,  modellini e congegni che illustrano il funzionamento delle più svariate macchine o mimano esperimenti scientifici. Tra i reparti più avvincenti segnaliamo quello delle miniere, dell’energia elettrica (dove vengono prodotti artificialmente i fulmini), il planetario e le varie raccolte di automobili, locomotive e aeroplani. Cena. Pernottamento.

3° giorno
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata alla visita al Parco Olimpico, oggi diventato parco per il tempo libero amatissimo dagli abitanti di Monaco. Fu costruito in occasione dei XX Giochi Olimpici estivi del 1972. Il parco, grande quasi 3 kmq, è sorto sul vecchio Oberwiesenfeld, la vecchia piazza d’armi, poi aeroporto militare. Il simbolo più noto del parco olimpico è la Torre olimpica alta 290 m, con piattaforma panoramica (con buona visibilità si vede la catena alpina). Lo stadio olimpico, la palestra olimpica, la piscina, il palazzo del ghiaccio e la costruzione a rete in vetro acrilico del tetto di tutte le suddette strutture, rendono l’aspetto del complesso particolarmente interessante.  Pranzo libero. Nel pomeriggio, trasferimento alla Bayerische Motoren Werke (BMW), situata ai margini del Parco Olimpico di Monaco, per la visita guidata della sede alla scoperta degli avveniristici sistemi produttivi della famosa casa automobilistica.  Al termine, visita del Museo BMW, che illustra la storia ed i modelli che hanno reso celebre nel mondo la casa automobilista bavarese, nata nel 1916 come fabbrica di motori per aerei.  L’edificio, detto il “Museum Bowl”, è stato realizzato assieme al vicino grattacielo che ospita il quartier generale amministrativo e direzionale  (il “4 Cilindri”) dall’architetto viennese Karl Schwanzer in occasione delle Olimpiadi del 1972. Cena. Pernottamento.

4° giorno
Dopo la prima colazione, trasferimento in pullman a Schwangau per la visita del castello di Neuschwanstein, uno dei simboli della Baviera, e della Germania, nel mondo. E' il "castello delle favole" per eccellenza, fatto costruire dal "re delle favole" Ludwig II su progetto dello scenografo Christian Jank. All’interno del castello molte sale sono sistemate come vere e proprie scene delle opere di Wagner). Pranzo libero. Al termine, inizio del viaggio di ritorno con arrivo alla scuola previsto in serata.

IL LOGO DELLA BMW

Il simbolo che compare sulle auto e sulle moto BMW rappresenta la stilizzazione di un'elica di aereo in movimento. Ai suoi inizi infatti la BMW produceva motori per aerei impiegati nella Prima Guerra Mondiale.  Solo alla fine del conflitto, quando alla Germania venne vietata la costruzione di aerei, l’azienda indirizzò la sua produzione al settore motociclistico e nautico. I colori bianco e azzurro sono invece quelli della bandiera bavarese.


QUOTA INDIVIDUALE: DA 150 A 200 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu