Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Principati della pianura emiliana

Studenti in viaggio > Uscite didattiche

Carpi, Gualtieri e Novellara

Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e trasferimento in pullman granturismo a Carpi. Signoria della famiglia Pio dal 1319 al 1525, Carpi conserva interessanti opere d'arte nella rinascimentale cattedrale, nella chiesa di San Nicolò ma soprattutto nel castello, dominato dalla torre dell'orologio, con affreschi, terrecotte e soffitti lignei quatto-cinquecenteschi. La fama di Gualtieri è invece associata ai Bentivoglio, che l'ebbero in feudo dal 1567 al 1634. E’ una cittadina di origine medievale che ha subito più volte nei secoli la piaga delle alluvioni (l’ultima, catastrofica, nel 1951). Malgrado questo, essa ha conservato l’incantevole spazio rinascimentale di Piazza Bentivoglio, quadrato perfetto di cento metri di lato, con portico su tre lati. Novellara fu per quattro secoli di un ramo collaterale dei Gonzaga, che vi eressero la rocca, oggi sede museale con fregi, soffitti lignei dipinti, ceramiche faentine e suppellettili. Al termine della visita, inizio del viaggio di ritorno con arrivo a scuola in serata.

IL CAMPO DI FOSSOLI E PRIMO LEVI

Durante la seconda guerra mondiale, la frazione carpigiana di Fossoli fu il sito di un campo di transito, dal quale numerosi detenuti furono deportati verso i campi di sterminio e che ora è utilizzato come memoriale e come museo della Seconda guerra mondiale. Il campo venne istituito dagli italiani nel maggio 1942 come campo per prigionieri di guerra inglesi e, dopo l'8 settembre del '43, fu occupato dai tedeschi. Dal 1944 subentrò la gestione diretta da parte delle SS e Fossoli divenne campo poliziesco e di transito per prigionieri politici e razziali destinati ai Lager dei nord Europa. Dalla stazione di Carpi partirono, in sette mesi di attività del campo, otto convogli ferroviari, cinque dei quali destinati ad Auschwitz. Sul primo diretto verso questa meta, viaggiò anche Primo Levi che rievoca la sua breve esperienza a Fossoli nelle prime pagine di 'Se questo è un uomo' e nella poesia 'Tramonto a Fossoli'.


QUOTA INDIVIDUALE: FINO A 50 EURO

 
Torna ai contenuti | Torna al menu