Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Profumi di Provenza e parchi della Camargue

Studenti in viaggio > Alla riscoperta della natura

Se Provenza significa campi di lavanda a perdita d'occhio, profumi intensi, antichi villaggi medioevali arroccati sulle colline, la Camargue è la regione delle vaste lagune di acqua salata, dei banchi di sabbia e delle paludi coperte da canneti.

1° giorno

Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Avignone. Sosta lungo il percorso per il pranzo libero. Arrivo ad Avignone.  Il Rodano fa quasi un anello e la città vi cresce all’interno, tra il verde che prolifica rigoglioso sulle sponde del fiume, circondando il Palazzo papale, simbolo della città e di un periodo storico molto importante. Le attuali mura della città sono lunghissime, alte circa otto metri e circondate da una sorta di palude dalle acque profonde. Sono sette le entrate che permetto l’accesso in città. Avignone fu città papale per circa 70 anni come appunto testimonia il grandioso Palazzo dei Papi. E’ da qui che inizia la visita della città, dal più importante palazzo gotico d’Occidente, attraverso le 25 sale e gli appartamenti privati del papa con affreschi e decori inestimabili. Nella stessa piazza, vasta e scenografica, si trova il Museo del Palazzo Piccolo che conserva una notevole collezione di opere pittoriche del Rinascimento italiano. Al termine, visita ai resti del celebre Ponte St-Bénézet. Proseguimento per Nimes (o altra località in zona). Sistemazione in hotel nelle camere riservate. Cena. Pernottamento.

2° giorno
Dopo la prima colazione, visita di Arles a cominciare da Les Arènes, il più grande anfiteatro romano esistente in Francia e Teatro Antico, eretto al tempo di Augusto. Cattedrale di St-Trophime, con il suo magnifico portale e il chiostro romanico-gotico, Les Alyscamps, l’antica necropoli romana che costituisce il luogo più suggestivo della città. Pranzo libero. Nel pomeriggio, trasferimento ad Aigues-Mortes per la visita al famoso borgo medioevale ubicato sul canale Sète-Rodano. Proseguimento per Les Baux de Provence, il sito più impressionante di tutta la Provenza e una delle più grandi mete del turismo francese. Su questo sperone roccioso, lungo 900 metri e largo 200, ad una altezza di 280 m, vi sono le rovine di una città medioevale, già sede di una raffinata corte e centro della poesia trobadorica. Al termine, ritorno a Nimes per la cena e il pernottamento.

3° giorno
Dopo la prima colazione, trasferimento a Saintes-Maries-de-la-Mer, pittoresco villaggio marinaro, ed imbarco sul battello per effettuare una mini crociera (facoltativa) attraverso il “Parco Regionale della Camargue”. Al termine, trasferimento al Parco ornitologico di Pont de Gau. Vari chilometri di sentieri, attraverso paludi e canneti, rendono possibile l’avvistamento di molti uccelli. I pannelli illustrati, i cartelli di identificazione e le mappe di migrazione forniscono un’informazione chiara e completa sulla vita degli uccelli di questa regione. Inoltre, vaste voliere ospitano le specie più difficilmente osservabili in libertà. Pranzo libero. Nel pomeriggio, inizio del viaggio di ritorno con arrivo a scuola in serata.

Les Baux-de-Provence

Il paese di Les Baux-de-Provence,  trenta chilometri a sud di Avignone,  sorge in posizione dominante su uno sperone calcareo del Massiccio delle Alpilles ed è formato dal castello smantellato da Richelieu nel 1632 e dai resti delle case troglodite e di antichi insediamenti. Il sito del castello accoglie uno straordinario museo nel quale le ricostruzioni a grandezza naturale di antiche macchine da guerra permettono ai visitatori di comprendere le tattiche militari del Medio Evo. Dal belvedere si ha una magnifica vista sui campi di ulivi.  Il comune di Les Baux-de-Provence è inserito nell’elenco dei "più bei borghi di Francia" e accoglie ogni anno un milione e ottocentomila visitatori.

Il Parco Naturale Regionale della Camargue si può definire come un territorio rurale fragile che presenta un patrimonio naturale di rilievo. L’organizzazione di ogni parco si fonda su un progetto che garantisce in modo sostenibile la salvaguardia, la gestione e lo sviluppo economico e sociale dell’area protetta. In Francia, la qualifica di “Parc naturel régional” viene attribuita per decreto, su proposta del Ministro dell’Ambiente francese, ai territori di grande valore. Ogni parco è gestito da un organismo autonomo che riunisce gli enti locali che ne hanno approvato lo statuto. Il Parco Naturale della Camargue venne istituito nel 1970 per proteggere un'area conosciuta in tutto il mondo per la bellezza dei paesaggi e per il suo patrimonio naturale. Nell’ambito del Parco vi è un “Museo della Camargue”, situato in un antico ovile restaurato a 15 km a sud-ovest di Arles. Il “Musée de la Camargue” ripercorre l'evoluzione delle attività umane nel delta del Rodano dalla sua formazione geologica fino ai giorni nostri.


QUOTA INDIVIDUALE: DA 100 A 150 EURO




Torna ai contenuti | Torna al menu