Aglaia Viaggi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Torino

Studenti in viaggio > Uscite didattiche

Museo Egizio e Museo Nazionale del Cinema

Ritrovo dei partecipanti davanti alla scuola e partenza in pullman granturismo per Torino. Arrivo e trasferimento al Museo Egizio, la più importante raccolta egizia al mondo per importanza dei reperti dopo quella del Cairo. Fondato nel 1824 da Carlo Felice con l'acquisizione della raccolta del console di Francia in Egitto, il piemontese Bernardino Drovetti, e successivamente arricchito dagli scavi di Ernesto Schiaparelli, il museo consta di circa 30.000 pezzi e documenta la storia e la civiltà dell'Egitto, dal paleolitico all'epoca copta, con pezzi unici e raccolte organiche di oggetti d'arte e d'uso quotidiano e funerario (tra cui la Mensa Isiaca, la tela dipinta di Gebelein, la tomba intatta di Kha e Merit, l'eccezionale tempio rupestre di Ellesjia, i rilievi di Zoser). Pranzo libero. Nel pomeriggio, tempo a disposizione per una breve visita della città. La storia della città sabauda attraverso i suoi famosi monumenti: palazzo Madama e palazzo Reale, il Teatro Regio, la Cattedrale, la Cappella della Sacra Sindone e la Mole Antonelliana. Al termine, visita al Museo Nazionale del Cinema. Unico in Italia e tra i più importanti del Mondo, il Museo Nazionale del Cinema è ospitato all'interno della Mole Antonelliana di Torino, simbolo della città. Nasce nel 1941 da un progetto di Maria Adriana Prolo, collezionista e storica. Considerato uno dei musei più importanti al mondo per la ricchezza delle sue collezioni, il museo allestito in verticale seguendo il crescendo antonelliano su progetto di François Confino è una delle esposizioni più emozionanti in materia di cinema. Al termine, inizio del viaggio di ritorno.

LA MOLE ANTONELLIANA


La costruzione della Mole Antonelliana, simbolo della città di Torino, iniziò nel 1862 ad opera di Alessandro Antonelli. I lavori ripresero nel 1878 con la costruzione sopra la volta di una camera di granito, su cui poggiano una lanterna a due piani e quindi un cono altissimo che trasforma la pianta da quadrata in circolare. Completa l'ormai altissima guglia una serie di elementi conici e cilindrici, conclusi da una cuspide di forma piramidale a base ottagonale, realizzata poi in due parti. Un genio alato sulla guglia concluse l'opera nel 1889, quando la direzione del cantiere era passata al figlio del defunto architetto. La Mole, con i suoi 163 metri di altezza, è il più alto edificio in muratura del mondo. Un ascensore panoramico conduce al tempietto sotto la guglia, da cui si gode un bellissimo panorama della città e delle montagne circostanti.


QUOTA INDIVIDUALE: FINO A 50 EURO

 
Torna ai contenuti | Torna al menu